Come evitare di buttare un sacco di soldi imparando dai miei errori da giovane imprenditore

buttare soldi

Come evitare di buttare un sacco di soldi imparando dai miei errori da giovane imprenditore

Questa volta tocca al sottoscritto fare una bella confessione che, sono sicuro, potrà essere utile a tutti gli imprenditori che hanno un’attività e vogliono investire sia in pubblicità che in sforzi di marketing per aumentare le vendite e i propri guadagni.

Quindi, dopo le dritte che ti ha dato Federico in questo articolo per fare il giusto marketing che ti fa ottimizzare tutto il tuo budget senza sprecare risorse, senza il rischio di non sapere quanto effettivamente ti torna dal tuo investimento anche se fuori è pieno di agenzie che ti promettono di tutto e di più, ora è la mia volta…

è la mia volta di raccontarti alcune scelte commerciali che mi hanno fatto buttare un sacco di soldi.

è la mia volta di raccontarti come la classica mentalità dell’imprenditore medio (ed è la stessa che ha anche il tuo concorrente) rischia di rovinare per sempre l’immagine della tua azienda.

è la mia volta di raccontarti quali sono gli errori fatali che possono portare alla chiusura immediata di tante piccole attività.

Addirittura?

Si perché ogni minima risorsa deve essere investita nel modo giusto e nel momento giusto, non ci sono più i tempi in cui si poteva rischiare su ogni cosa.

Andiamo al punto: qualche anno fa, quando la zanzariera plissettata stava sempre più prendendo piede sia come vendite che come successo nel mercato nazionale, mi venne la malsana idea (e forse anche l’ingordigia) di inserire un altro prodotto a catalogo ovviamente con la rete dritta e non plissettata.

Questo perché mi sono fidato della vecchia concezione che vive nel mercato italiano anche adesso:

Più prodotti offri e più clienti trovi disposti a comprare da te.

Niente di più sbagliato, come ho scoperto sulla mia pelle e nelle mie tasche.

Si, magari all’inizio può sembrare una super idea: “Offro il pacchetto completo così tutti quanti possono venire da me e non lasciare spazio alla concorrenza!” Ci ho pensato anche io, non lo nego.

Prendendo delle sonore batoste che ancora mi maledico.

Le Zanzariere Plissettate Rientrano nelle Detrazioni Fiscali

Ecco come la classica mentalità italiana ti svuota tutte le tasche senza nessun rientro

Come evitare di buttare un sacco di soldi

Ti continuo a parlare della mia esperienza e sono sicuro che, mentre continui a leggere quanto sto scrivendo, ti ritroverai anche tu in questa situazione che ho vissuto in prima persona.

L’obiettivo era, quindi, di vendere al mio cliente di tutto. Partendo dalla zanzariera plissettata SqualoNet, la nostra specializzazione, alla zanzariera a tagliola fino ad arrivare alla zanzariera con il carrarmato (altrimenti nota con il cingolo) ma con la rete dritta.

Ebbene si, ti sto confessando il mio più grande errore commesso in gioventù!

Fortunatamente siamo un’azienda molto attenta al controllo delle statistiche, Federico è il nostro “analitico” di fiducia, per cui siamo riusciti a correggere subito il tiro e tornare sulla strada giusta! Analizzare le vendite per ogni singola categoria merceologica è l’unico modo per vedere se le scelte commerciali sono giuste o sbagliate.

Le sensazioni e il seguire il mercato secondo le chiacchiere è il vecchio modo che ha contribuito ad aumentare la crisi, dovuta anche e soprattutto a colpe che noi imprenditori non abbiamo.

La scelta di inserire questo modello nuovo di zanzariera a catalogo (per amor proprio e vergogna evito di rinominare 🙂  ), è stata influenzata dal fatto che c’era la sensazione (senza nessun dato accurato) che questo prodotto poteva essere un buon business per completare la gamma…

Non tutti vogliono solo la zanzariera plissettata per cui…

Ovvio, la mossa giusta da fare era quella di avere anche questo prodotto a catalogo e promuoverlo anche noi.

 CaXXata grossa come una casa…

(scusa il francesismo ma ci sta)

Questa mossa ha comportato il seguente investimento, continua a leggere per scoprire che bella zappa sui piedi mi sono dato da solo:

  • Il mio tempo per andare a visitare il fornitore per poter fare una trattativa sul prezzo di acquisto (costo del tempo + costo del viaggio)
  • L’acquisto dei campionari per ogni singolo agente (circa 20) più un magazzino per poter servire subito i clienti pronti all’acquisto (circa altri 100)
  • Riunione con il responsabile commerciale per buttare giù la trattative di vendita (invece di vendere prodotti che già andavano)
  • Riunione con il responsabile marketing per studiare la pubblicità su internet e le brochure da dare agli agenti (costi di stampa e del programmatore)

Morale della favola: diverse decine di migliaia d’euro buttati dalla finestra con tanta speranza di farli tornare in vendite e utili.

Ma c’è un problema…

Perché essere tutto per tutti è un errore clamoroso

Se stai leggendo e sei il titolare della tua azienda sai meglio di me che sono i numeri quelli che contano. L’utile è quello che la fa da padrona e che sentenzia se un investimento è stato fatto in maniera corretta o meno.

Affacciandoci sul mercato con un prodotto non nostro, su cui non avevamo nessuna specializzazione e nessuna differenziazione ci siamo trovati in una spirale nera che fortunatamente abbiamo abbandonato subito.

NON avevamo nessuna novità da presentare al cliente che gli consentisse di guadagnare di più aumentando le vendite

NON potevamo presentare un prodotto migliore rispetto a quello che i nostri clienti avevano già

NON riuscivamo a chiudere nessuna trattativa a meno che…

… a meno che non calavamo il prezzo con gli sconti dopo aver fatto numerosi preventivi. Attenzione, parliamo di sconti importanti ovviamente!

Qual è l’interesse di una persona di risparmiare poche decine di euro se già si trova bene, sicuro e pieno di garanzie con un altro prodotto?

Esatto, NESSUN INTERESSE. Solo un prezzo conveniente per il cliente.

Cosa che comporta la perdita di tantissimi utili…

Risultato finale di questa operazione: abbiamo ancora in magazzino circa 60 campionari belli impolverati, materiale di marketing accatastato nei più angoli remoti del magazzino (o buttati in discarica, non so) e un investimento che segna un rosso profondo visto le poche zanzariere vendute…

Le Zanzariere Plissettate Rientrano nelle Detrazioni Fiscali

Ecco cosa puoi imparare da questo mio errore… e cosa ho imparato io sulla mia pelle

L’importanza di analizzare le vendite per ogni prodotto a catalogo ci ha salvato in tempo. Abbiamo capito che non ci si può presentare come una bancarella di mercato nel mondo degli affari dove non presenti nessuna specializzazione.

Non avere un prodotto da un’azienda specializzata comporta di essere accostato a qualsiasi altro negozio o azienda

Non avere un prodotto da un’azienda specializzata comporta a fare preventivi su preventivi prima di chiudere una vendita

Non avere un prodotto da un’azienda specializzata comporta a fare sempre sconti su sconti e vedere l’utile sempre più assottigliato.

Invece, avere un’azienda specializzata che non distribuisce il proprio prodotto a tutti poiché schiava di questa spirale negativa che ti ho elencato qui sopra, comporta la possibilità di poter vendere la zanzariera plissettata al giusto prezzo DECISO DA TE.

E non dal classico cacciatore di prezzo che si fa il giro delle sette Chiese e che va alla ricerca del preventivo migliore.

Devi rompere questi vecchi schemi mentali che, non per colpa tua, sono radicati nella vecchia mentalità italiana e cominciare a pensare in maniera contro intuitiva.

Se vuoi cominciare a lavorare con un’azienda specializzata in un solo prodotto che ti consente di differenziarti e aumentare gli utili senza dover fare una quantità industriale di preventivi, senza dover fare sconti su sconti, allora ti aspettiamo nel nostro mondo plissettato.

Lascia i tuoi contatti e ti daremo tutte le informazioni che richiedi! Clicca qui.

SharkNet – La Zanzariera plissettata Originale numero 1 in Italia

Marco Marcantoni

Le Zanzariere Plissettate Rientrano nelle Detrazioni Fiscali

2 commenti a “Come evitare di buttare un sacco di soldi imparando dai miei errori da giovane imprenditore”
  1. roberto ha detto:

    parole sante , giustissimo quello che ho letto .
    grazie per i consigli .
    Come gia detto siamo invasi di persone alla ricerca di preventivi .
    a disposizione saluti

Vuoi commentare?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Richiesta informazioni

    Richiedi un preventivo